Corso CTU a Cosenza

CORSO CTU/CTP A COSENZA

CTU: Consulente Tecnico d’Ufficio 
CTP: Consulente Tecnico di Parte

Scopri il nuovo corso professionale per CTU/CTP (Consulente Tecnico d’ufficio e di parte)!

E’ l’unico corso per CTU/CTP (Consulente Tecnico d’ufficio e di parte) su Cosenza e provincia offerto in esclusiva  da ConsulenzaDiParte in collaborazione con CorsiCosenza

E’ il primo corso per CTU/CTP (Consulente Tecnico d’ufficio e di parte) a Cosenza che ti permette di svolgere la funzione di ausiliario del giudice.

La figura di CTU/CTP (Consulente Tecnico d’ufficio e di parte)  ha avuto un forte aumento di richiesta dopo la riforma del processo esecutivo introdotta dalla legge 80/2005

 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 

Compila subito il seguente form:






We respect your email privacy

  _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 

INIZIO CORSO 17 OTTOBRE 2018

PERCHE’ UN CORSO PER CTU/CTP (Consulente Tecnico d’ufficio e di parte)?

La consulenza tecnica è diventata un settore in cui i professionisti svolgono un ruolo di primo piano che richiede sempre più rilevante specializzazione e responsabilità.

Ma svolgere il ruolo di consulente tecnico non è così facile come sembra;

Infatti oggi ai consulenti si richiedono conoscenze puntuali delle regole processuali e di procedura civile che condizionano in maniera essenziale la bontà del lavoro peritale.

Purtroppo, però, a differenza di altri settori della professione tecnica, pur dinnanzi all’onere di decidere spesso l’esito della controversia, al CTU non è richiesta una formazione specifica nel settore. Tale fatto si pone all’evidenza come grave carenza dell’attuale sistema, in quanto per diventare un buon CTU, non basta solo avere la giusta preparazione professionale, ma è indispensabile anche conoscere le corrette e aggiornate procedure da applicare.

Infatti, il mancato rispetto delle regole processuali può condurre a effetti negativi, sino a comportare l’annullamento della relazione peritale e, nei casi peggiori, responsabilità disciplinari, civili e penali.

Proprio da ciò nasce l’esigenza di creare un corso costantemente aggiornato dal taglio pratico – teorico, in cui vengono trattati nel dettaglio non solo gli aspetti tecnici, ma anche le procedure legali indispensabili per svolgere al meglio il ruolo di consulente tecnico d’ufficio e consulente tecnico di parte.

In particolare nel nostro corso CTU E CTP NEL PROCESSO CIVILE, organizzato da ConsulenzaDiParte in collaborazione con CorsiCosenza, verranno esaminati tutti i concetti fondamentali riguardanti le consulenze tecniche nei diversi settori, focalizzando l’attenzione su figure oggi molto importanti come il consulente tecnico di parte ed il consulente tecnico d’ufficio.

Analizzeremo insieme nel dettaglio i compiti, gli obblighi e le responsabilità del consulente, in ogni fase del suo incarico; capiremo insieme come redigere in maniera corretta una relazione tecnica, sia d’ufficio che di parte, daremo consigli pratici e sveleremo qualche “trucco del mestiere”.

Il nostro corso è costantemente aggiornato alle variazioni della normativa vigente che, pur essendo ancora in fase di perfezionamento, dal 2005 ad oggi ha subito numerosi interventi correttivi, ultimo dei quali quello attuato tramite il D.L. 27/06/2015, n°83 (convertito nella legge del 06/08/2015, n°132).

Inoltre, dal 01 Gennaio 2015 anche il CTU è obbligato a fare uso del PROCESSO CIVILE TELEMATICO (PCT), sistema del  Ministero della Giustizia che si pone l’obiettivo di automatizzare i flussi informativi e documentali tra utenti esterni (avvocati e ausiliari del giudice) e Uffici Giudiziari, relativamente ai processi civili. Il nuovo Processo Civile Telematico (PCT), comporta l’obbligo di depositare telematicamente tutti gli atti inerenti le attività peritali e per tale motivo il CTU deve conoscere il significato di nuovi importanti termini quali:

–          Portale Dei Servizi Telematici

–          Dominio Giustizia

–          Punto di Accesso

–          ReGIndE (Portale Servizi Telematici – Ministero della Giustizia)

Una parte del nostro corso sarà dedicata interamente al processo civile telematico, fornendo anche un esempio pratico per l’utilizzo di uno dei software maggiormente adoperato dai professionisti per inviare telematicamente gli atti inerenti le attività peritali.

A CHI E’ RIVOLTO IL CORSO:

Il nostro corso è rivolto a professionisti quali Architetti, Ingegneri ambientali, Ingegneri edili e Civili con laurea triennale e magistrale, agronomi (dottori in agraria e forestali), geologi, geometri, periti edili, periti agrari agrotecnici, dottori commercialisti, interpreti e traduttori  (o dottori in lingue e letterature straniera) e a tutti coloro che desiderano approfondire il tema delle consulenze tecniche ed in particolare quelle in ambienti giudiziari.

Il taglio del corso sarà di tipo teorico – pratico: teorico perché vedremo insieme quali sono le leggi che regolano il comportamento e l’attività del consulente tecnico d’ufficio e di altre figure tecniche che sono d’aiuto al magistrato; pratico poiché vedremo numerosi confronti su casi di studio reali a seconda dei diversi settori.

 _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 

Compila subito il seguente form:






We respect your email privacy

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 

 INIZIO CORSO 17 OTTOBRE 2018

OBBIETTIVO:

Dare informazioni legali e tecniche con l’obiettivo di migliorare le conoscenze per affrontare al meglio l’attività di consulente tecnico d’ufficio, di perito, esperto e consulente tecnico di parte.

DURATA DEL CORSO :

Il corso è articolato in 3 incontri da 8 ore: nei primi due incontri verrà trattata la parte relativa alla normativa e alle procedure generali da applicare per svolgere al meglio il ruolo di consulente tecnico; il terzo incontro sarà più pratico e, a seconda dei diversi settori specialistici, si andranno ad analizzare diversi casi di studio.

In particolare:

Primo incontro: MODULO I – CTU E CTP GENERALITA’– APPROFONDIMENTO SULLA CONSULENZA TECNICA DI PARTE

Nel primo modulo tratteremo nel dettaglio la figura,  l’attività, i compiti, gli obblighi e le responsabilità (disciplinari, civili e penali) sia del consulente tecnico d’ufficio che del consulente tecnico di parte.

L’attenzione sarà focalizzata sulla figura del consulente tecnico di parte, sulla sua attività e su come redigere una relazione di consulenza tecnica di parte.

Inoltre verranno evidenziate le analogie e le differenze tra CTU e CTP, due figure differenti ma ugualmente importanti nell’ambito giudiziario.

Secondo incontro: MODULO II – LA CONSULENZA TECNICA D’UFFICIO IN PRATICA

Nel secondo modulo andremo ad analizzare le cose fondamentali che bisogna sapere per rivestire il delicato ruolo del consulente tecnico d’ufficio, cioè vedremo quali sono praticamente i passaggi da seguire per  portare a termine il lavoro di CTU in modo corretto e per rispettare i tempi ristretti stabiliti dal Giudice.

Partendo dall’iscrizione all’albo tratteremo in modo chiaro e semplice cosa fare durante l’udienza del conferimento dell’incarico, cosa fare durante il sopralluogo, come redigere una relazione di consulenza tecnica d’ufficio e le modalità e i tempi di trasmissione della CTU alle parti e al Tribunale.

Vedremo anche come redigere una parcella per il lavoro svolto dal CTU e ci soffermeremo  a capire quali sono le cause di nullità formali e sostanziali che fanno decadere una CTU.

Parte del secondo modulo sarà dedicato al nuovo Processo Civile Telematico (PCT), entrato in vigore dal 01 Gennaio 2015. Nello specifico svolgeremo anche un esempio pratico per l’utilizzo di uno dei software maggiormente adoperato dai professionisti per inviare telematicamente gli atti inerenti le attività peritali.

Terzo incontro: MODULO III – ESEMPI DI CONSULENZE TECNICHE

Questo terzo modulo varierà a seconda dei diversi settori specialistici considerati. In particolare:

  • Per i professionisti quali Architetti, Ingegneri ambientali, Ingegneri edili e Civili con laurea triennale e magistrale, geologi, geometri, periti edili: 

faremo qualche Richiamo di alcuni elementi di estimo utili per le C. T. U e di stima dei terreni sia agricoli che edificabili e analizzeremo casi di studio in materia di stime immobiliari, valutazione dei danni ed esecuzioni immobiliari.

Con riferimento alle esecuzioni immobiliari, vedremo le ultime ed importanti novità introdotte dalla legge, dovute alla nuova riforma del processo esecutivo. Processo di proficuo cambiamento iniziato nel 2005 e, oggi, ancora in via di perfezionamento con numerosi interventi correttivi, ultimo dei quali quello attuato tramite il D.L. 27/06/2015, n 83 (convertito nella legge del 06/08/2015 n°132).

Tale riforma ha introdotto la nuova figura dell’Esperto in luogo della classica del CTU come specializzazione all’interno della stessa categoria.

Analizzeremo dunque i compiti e le responsabilità per la nuova figura professionale nell’ambito delle procedure esecutive, soffermandoci sulle differenze rispetto alla classica figura del CTU considerata fino a qualche mese fa e sui nuovi criteri legati ai compensi professionali dovuti all’Esperto per il proprio lavoro.

  • Per agronomi (dottori in agraria e forestali), periti agrari agrotecnici:

vedremo esempi di valutazione dei danni, esecuzioni immobiliari e consulenza in materia di stime immobiliari con riferimento a:

  1. valutazione dei terreni edificabili
  2. valutazione dei terreni agricoli
  3. valutazione dei fabbricati

Per quanto riguarda le esecuzioni immobiliari, vedremo le ultime ed importanti novità introdotte dalla legge, dovute alla nuova riforma del processo esecutivo (D.L. 27/06/2015, n 83, convertito nella legge del 06/08/2015 n°132).

  • Per i dottori commercialisti:

vedremo le differenze tra il CTU ordinario e il CTU in materia di esame contabile e analizzeremo casi di studio pratici relativi a:

  1. analisi di bilancio e verifiche contabili
  2. corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione
  3. corretta tenuta dei libri e delle scritture contabili
  4. conformità del bilancio alle norme che lo disciplinano
  5. ricostruzione di operazioni finanziarie
  6. rilevazioni di movimentazioni di c/c bancario e calcolo dell’anatocismo
  7. valutazione di aziende
  • Per interpreti e traduttori: 

Il traduttore viene chiamato “in causa” ogni qual volta è necessaria la sua attività per redigere in altra lingua: atti introduttivi del giudizio (atti di citazione e ricorsi), procure, atti notarili, pareri legali, contratti, lettere, due diligence, lettera d’intenti, atti costitutivi e statuti di enti pubblici e privati, visure camerali e catastali, perizie, verbali, sentenze, bandi di gara, brevetti, atti societari, documenti doganali, certificati e documenti vari.

Analizzeremo durante il corso:

  1. le differenze tra il traduttore come CTU e come consulente delle parti
  2. quali sono le Prestazioni richieste: Tipologia di atti e documenti
  3. analisi ed esempi di casi reali

SEDE DEL CORSO: 

Hotel San Francesco – Rende (CS)

esterno

Hotel San Francesco – Rende (CS)

Aula

Hotel San Francesco – Rende (CS)

INIZIO CORSO 17 OTTOBRE 2018

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 

Compila subito il seguente form:






We respect your email privacy

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _